venerdì 29 Novembre 2019, 18:00 - 19:30
Lectio magistralis.

Gio Ponti: Elogio della Leggerezza. Con Fulvio Irace

sala Carlo Scarpa – ingresso € 5
10 posti nominali riservati e gratuiti per i titolari della card myMAXXI scrivendo a mymaxxi@fondazionemaxxi.it, entro il giorno prima dell’evento

«Ci sarà uno stile leggero e trasparente, semplice, collegato ad un costume sociale semplificato», Gio Ponti e la “leggerezza” delle architetture.

«Si va nella tecnica dal pesante al leggero, dall’opaco al trasparente. Ciò che è antico, è primitivo, primordiale, è rozzo e pesante, opaco: via via si passa al leggero, poi al trasparente: dalla pietra, al ferro, al bronzo, si passa ai materiali leggeri ed infine alle materie plastiche ed alle materie plastiche trasparenti… Ci sarà uno stile leggero e trasparente, semplice, collegato ad un costume sociale semplificato». 

Nel 1946, alla fine della guerra, Ponti si interroga su Come sarà lo stile architettonico futuro? ponendo le basi di un pensiero sulla “leggerezza” che esporrà circa dieci anni più tardi in Amate l’architettura.

Ispirate alla “necessità” di essere leggeri, le sue architetture, alla piccola e alla grande scala, renderanno palese la sua propensione per le forme assottigliate, per la pianta chiusa, per le superfici indipendenti.

Partendo da alcuni progetti degli anni 50 come villa Planchart o il grattacielo Pirelli, la lectio magistralis di Fulvio Irace illustrerà gli esiti di questa sua teoria nei due decenni successivi, mettendo a fuoco un sistema compositivo che per Ponti corrispondeva in un’idea di civiltà dell’abitare.