Portrait of Marina Abramović, © Dusan Reljin, 2018
evento
venerdì 16 Luglio 2021 ore 21:00 - 22:30

#estatealMAXXIMarina Abramovićcon Hou Hanru

piazza del MAXXI
€ 15 
20 posti individuali riservati per i titolari della card myMAXXI scrivendo a mymaxxi@fondazionemaxxi.it, entro il giorno prima dell’evento

orario museo

lunedì chiuso
da martedì a domenica
11 – 19

la biglietteria è aperta fino a un’ora prima della chiusura del Museo

maggiori informazioni

Torna l’estate nella piazza del Museo: vivila in tutte le sue forme!

In occasione della mostra Più grande di me. Voci eroiche dalla ex-Jugoslavial’artista è protagonista di un talk in cui ripercorre la sua importante carriera e svela i retroscena e le tematiche principali della sua opera in mostra Rhythm 0, 1974.

Con l’inizio della sua carriera avvenuta a Belgrado nei primi anni ’70, Marina Abramović ha aperto la strada alla performance art, dando vita ad alcune delle opere più importanti di questo linguaggio artistico. Esplorando i suoi limiti fisici e mentali, ha resistito al dolore, all’esaurimento e al pericolo nella sua ricerca di trasformazione emotiva e spirituale.Marina  Abramović è stata insignita del Leone d’Oro come miglior artista alla Biennale di Venezia del 1997. Nel 2010, ha avuto la sua prima grande retrospettiva negli Stati Uniti e contemporaneamente dove, per oltre 700 ore, si è esibita nella performance “The Artist is Present” al Museum of Modern Art di New York. Marina Abramovic ha fondato l’Istituto Marina  Abramović (MAI), una piattaforma per il lavoro immateriale e di lunga durata per creare nuove possibilità di collaborazione tra pensatori di tutti i campi.

Il suo lavoro più recente è Walk Through Walls: A Memoir, pubblicata da Crown Archetype il 25 ottobre 2016. La sua retrospettiva The Cleaner è stata inaugurata al Moderna Museet di Stoccolma nel febbraio 2017 ed è stata in tournée in altre sette sedi europee, terminando al Museum of Contemporary Arte, Belgrado, Serbia nel 2019. Nel settembre 2020 la Bayerische Staats Oper ha presentato la prima mondiale di 7 Deaths of Maria Callas, che continuerà a essere tournée in altre sedi. Nel 2023 presenterà la mostra personale After Life alla Royal Academy e diventerà la prima artista donna nei 250 anni di storia dell’istituzione ad occupare l’intero spazio della galleria con il suo lavoro.