mostra
01 Giugno 2021 > 06 Giugno 2021

videogalleryGoran DevićFilm screening | Più grande di me. Voci eroiche dalla ex Jugoslavia

videogallery – ingresso libero
a cura di Zdenka Badovinac

orario museo

lunedì chiuso
da martedì a domenica
11 – 19

la biglietteria è aperta fino a un’ora prima della chiusura del Museo

avviso

Per accedere al Museo è necessario esibire la Certificazione verde COVID-19 (Green Pass) o presentare il referto negativo di un tampone antigienico o molecolare effettuato nelle 48 ore precedenti, insieme a un documento di riconoscimento. Le disposizioni non si applicano ai bambini di età inferiore ai 12 anni e ai soggetti con certificazione medica specifica.

maggiori informazioni

In occasione della mostra, una grande rassegna ospita i lavori degli artisti Igor Grubić, Goran Dević, Anja Medved & Nadja Velušček.

I film di Goran Dević selezionati ruotano tutti intorno alla sua città natale Sisak (Croazia), ne raccontano il passato e il presente, gli eroi del lavoro che la abitavano e la generazione perduta di oggi. Se Nova Gorica, con la sua architettura, era il simbolo della modernità del sistema socialista della Jugoslavia, Sisak era il simbolo della sua industria e dei suoi lavoratori.

La principale eccellenza di Sisak era la sua acciaieria (Željezara Sisak), che ha infatti un ruolo importante in alcuni film di Dević. Ai tempi della Jugoslavia, l’acciaieria impiegava 14.000 lavoratori, tra i quali c’erano anche gli “udarnik”, eroi socialisti del lavoro. Il film di Dević Two furnaces for Udarnik Josip Trojko (2012) racconta la storia di uno di loro.

In Have Nothing Nice to Say to You (2006) viene invece presentato il lato oscuro di Sisak, a partire da un omicidio irrisolto. In The Steel Mill Café, gli ospiti del caffè vicino all’acciaieria sognano di fuggire e raggiungere la terra promessa, in questo caso la vicina Germania: è la storia di un cambiamento di cui è stata protagonista la città di Dević, attraverso il senso di perdita e la disperazione della sua generazione.


I film in programma, in continuità con i temi della mostra, riflettono sull’idea di perdita e cambiamento, entrambi provocati dalla dissoluzione della ex Jugoslavia, la fine del socialismo, l’inclusione nel capitalismo globale e la sua integrazione nell’Unione Europea.

in testata: Goran Dević, Nemam ti šta reć lijepo / I have nothing nice to say to you, 2006, 30′ (still da video).