sabato 3 novembre 2018, 18:30 - 20:00
Performing The Archives. Sound.

Dalle origini della sperimentazione sonora agli ensembles

Archive Wall – ingresso 5 euro
abbonamento 3 incontri 10 euro – gratuito per i possessori della card myMAXXI

Tre incontri per ripercorrere la storia della sperimentazione sonora in Italia dal 1950 al 2000

In occasione di When Sound Becomes Form, attraverso tre appuntamenti ripercorriamo le tappe fondamentali della sperimentazione sonora italiana.
Un racconto lungo cinquant’anni in cui il suono esce dal pentagramma e si affaccia alle nuove tecnologie elettroniche dando forma a linguaggi artistici innovativi e permettendo la manipolazione sonora e l’amplificazione dello spazio stesso, contaminando cinema, arte, coreografia, letteratura, editoria e mass media.

Partendo dalla sperimentazione compositiva degli anni ’60, nel primo incontro si parte dall’ingresso del sonoro nell’espressività del gesto con Giuseppe Chiari e Fluxus, dove ogni nota diventa elemento autonomo e specifico. Nascono nuovi linguaggi come l’happening e la notazione grafica musicale o grafia musicale. Il Gruppo 63 esordisce spingendo la sperimentazione agli estremi e invadendo tutti i campi: Lamberto Pignotti, muovendosi tra happening e performance, porta alla ribalta la poesia visiva e sonora. Negli anni ’70 invece le nuove forme di indagine sonora trovano un loro inserimento nel panorama culturale con la nascita delle prime manifestazioni dedicate e Albert Mayr, nel 1975, produce Performances from Time Aspects un approccio estetico alla gestione del tempo quotidiano (sound time).

Introduce
Carlo Fatigoni curatore della mostra When Sound Becomes Form

Intervengono
Albert Mayr e Lamberto Pignotti

Modera
Irene De Vico Fallani MAXXI Ricerca