giovedì 21 Settembre 2017, 19:00 - 20:30

Effimero con/temporaneo

Sala Graziella Lonardi Buontempo – ingresso libero fino ad esaurimento posti
per i possessori della card myMAXXI possibilità di prenotazione scrivendo a mymaxxi@fondazionemaxxi.it, entro il giorno prima dell’evento (10 posti disponibili)

La stagione dell’effimero, dell’impegno culturale, dell’arte partecipata

L’epopea dell’Estate Romana si inserisce in una fase nella quale le arti ridefiniscono globalmente i rapporti con i musei, lo spazio urbano, il tessuto sociale. Da Roma a Firenze, dalla Parigi di Jack Lang alla Los Angeles di Rucha artisti e architetti scelgono la strada e il paesaggio come il campo preferito delle loro battaglie. L’armamentario ideologico, creativo e progettuale cambia in ragione di questa nuova condizione e ridisegna il ruolo di architetti e artisti.

Ponendo l’attenzione sull’eredità del “meraviglioso urbano” l’incontro è l’occasione per presentare e discutere tre pubblicazioni in particolare: Estate romana. Tempi e pratiche della città effimera di Federica Fava, un lavoro di Léa-Catherine Szacka intitolato Exhibiting the Postmodern: The 1980 Venice Architecture Biennale che affronta il contributo cruciale dato dalla prima biennale di architettura alla cultura dell’effimero, per chiudere con Arte a Firenze 1970 – 2015. Una città in prospettiva di Alessandra Acocella e Caterina Toschi.

Introduce
Pippo Ciorra Senior Curator MAXXI Architettura

Intervengono
Alessandra Acocella Associazione Culturale Senza Cornice
Federica Fava ricercatrice in architettura
Léa-Catherine Szacka architetto
Caterina Toschi Associazione Culturale Senza Cornice

Modera
Luigia Lonardelli curatore MAXXI

Altri eventi del ciclo Estate al MAXXI 2017

19 Settembre 2017
Destino Final
04 Luglio 2017
MAXXI Poetry Slam
24 Giugno 2017 - 25 Giugno 2017
Così lontano, così vicino