Michelangelo Pistoletto, Quadro di fili elettrici, 1967, Collezione MAXXI. Foto © Patrizia Tocci
segnaliamo
mercoledì 27 Aprile 2022 - lunedì 22 Agosto 2022

al PalaisPopulaireOpera OperaAllegro ma non troppo

a cura di Hou Hanru, Bartolomeo Pietromarchi, Eleonora Farina
info e biglietti palaispopulaire.db

orario museo

lunedì chiuso
da martedì a venerdì 11 – 19
sabato domenica 10 – 19
la biglietteria è aperta fino a un’ora prima della chiusura del Museo

maggiori informazioni

Un’ampia selezione di opere della Collezione MAXXI si dispiega al pubblico come la trama di una performance musicale che trasforma il PalaisPopulaire in una vera e propria opera d’arte.

L’opera, il cui nome deriva dalla parola italiana “lavoro”, è un genere teatrale in costante evoluzione che ha sempre messo in scena il processo di creazione, il lavoro e il fare attraverso l’immaginazione e la creatività. L’opera riflette il dramma della vita e unisce tutti i tipi di discipline, dalla musica alla poesia, dal disegno alla coreografia, dalla pittura alla recitazione, al cinema, alla performance. Ideata dal MAXXI Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo e con la partecipazione di trenta protagonisti dell’arte internazionale, la mostra rende omaggio all’Opera dalla prospettiva dell’arte visiva e dell’architettura contemporanea. 

Per dare corpo a questa narrazione, la Collezione del MAXXI – che si arricchisce di due nuove opere commissionate espressamente per questa mostra – si trasforma da corpo statico in un processo produttivo di sperimentazione ed evoluzione, aprendosi a un dialogo illuminante con il suo ospite berlinese e mettendo in scena una collezione che non è solo memoria ma, al contrario, una performance del presente. 

Opera Opera è un viaggio sensoriale che avvolge il visitatore nei suoi ambienti sonori; un viaggio capace di ricreare dimensioni contemplative, situazioni eclettiche, spazi dinamici e partecipativi dove il confine tra arte e vita, tra messa in scena e realtà, diventa sottile; è una mostra totale e inclusiva che unisce luoghi ed epoche diverse e offre una rilettura conciliante dell’arte e del teatro come strumenti di rigenerazione in chiave geopolitica, tanto più utile visto lo spirito incerto dei nostri tempi. Con poesia e audacia, bellezza e ironia, Opera Opera alza il sipario sulla storia collettiva e sulla nostra vita quotidiana, rendendo omaggio ai drammi e alle gioie della vita, allegro, ma non troppo…