martedì 14 gennaio 2020, 18:30 - 20:00
Libri al MAXXI.

L’opera interminabile. Arte e XXI secolo di Vincenzo Trione

sala Carlo Scarpa – ingresso libero fino a esaurimento posti
10 posti nominali riservati per i titolari della card myMAXXI scrivendo a mymaxxi@fondazionemaxxi.it, entro il giorno prima dell’evento

Da Kentridge a Hirst, passando per Iñárritu e Björk, la genesi e i misteri di opere monumentali e ambiziose.

Cosa accomuna artisti come Kiefer, Kentridge, Boltanski, Barney e Hirst, scrittori e poeti con una profonda vocazione visiva come Pamuk e Balestrini, cineasti come Iñárritu e Greenaway, musicisti visionari come Björk e creatori di celebri scenografie come Es Devlin? Sono artisti molto diversi tra loro, con storie e sensibilità uniche: eppure, tutti condividono l’idea di un’arte creatrice di opere-mondo monumentali, plurali, ambiziose, a volte impossibili da trasferire o riallestire.

I quindici artisti al centro di questo libro sono creatori di mondi: Vincenzo Trione allestisce per il lettore un originale museo allo stesso tempo immaginario e possibile, reale e potenziale, ibrido e multiforme. E, come in un museo, Trione parte dalle opere, raccontandone la genesi, i sensi molteplici, i misteri, anche con il supporto degli schizzi preparatori, dei progetti e delle testimonianze dirette degli artisti.

Saluti
Giovanna Melandri Presidente Fondazione MAXXI

Introduce
Bartolomeo Pietromarchi Direttore MAXXI Arte

Intervengono
Melania G. Mazzucco scrittrice
Vincenzo Trione
accademico e critico d’arte contemporanea

In collaborazione con Giulio Einaudi editore