21 novembre 2018 - 24 novembre 2019

Collezione MAXXI. Lo Spazio dell’Immagine

Orari e biglietteria

orario museo

Dal Martedì al Venerdì 11.00 - 19.00 sabato 11.00 - 22.00 Domenica 11.00 - 19.00 Giorno di chiusura Tutti i Lunedì, 25 Dicembre, 1 Maggio La biglietteria chiude un’ora prima del museo
AVVISO

I servizi di caffetteria & bookshop e di ristorazione sono temporaneamente sospesi. Stiamo lavorando perché siano riattivati il più rapidamente possibile. Ci scusiamo per il disagio.

Dal 6 al 20 novembre 2018

Ridotto per tutti i visitatori (salvo le condizioni di gratuità)
€ 9 ingresso al museo
€ 10 ingresso alla mostra Zerocalcare. Scavare fossati · Nutrire coccodrilli (dal 10 novembre)
€ 12 ingresso al museo + mostra Zerocalcare

Riallestimento Collezione

La Collezione MAXXI (Galleria 1) è chiusa per allestimento e riaprirà il 21 novembre

Orari e biglietteria
Acquista biglietto online Ricordami questo evento

Piazza del MAXXI / Galleria 1 – ingresso gratuito per tutti dal martedì al venerdì (festivi esclusi) e ogni prima domenica del mese
a cura di Margherita Guccione e Bartolomeo Pietromarchi

Il cuore del museo si rinnova con il nuovo allestimento della Collezione permanente

L’identità del MAXXI è la sua Collezione: l’allestimento intitolato The Place to Be ne ha triplicato gli spazi, trasformando la Collezione in un corpo vivo e dinamico. Dalla piazza (installazioni di Elisabetta Benassi, Paola Pivi e lavori di Maurizio Nannucci e Massimo Grimaldi) all’interno capolavori e opere mai viste.

Il nuovo allestimento in Galleria 1 si apre con un’intera area riservata alla presentazione delle nuove acquisizioni, tra le quali quelle di Monica Bonvicini, Katharina Grosse, Hassan Hajjaj e dei Labics. Dopo The Place to Be e l’approfondimento sullo spazio, sul luogo e sulla relazione, il nuovo percorso espositivo viene dedicato a una diversa idea di immagine a cavallo del Duemila. La diffusione capillare dei mass media e l’era della comunicazione globale hanno portato gli artisti a esplorare nuove visioni e a sperimentare nuovi linguaggi espressivi. Tra strumenti analogici e tecnologie, in mostra le opere, tra gli altri, di Pablo Echaurren, Stefano Arienti, Tony Oursler, Bill Viola, Giulio Turcato.