formazione

Open CallCittà Come Cultura. Dalla cultura si riparteIII edizione

con il laboratorio L’Aquila come modello di rigenerazione attraverso la cultura

 
Due giornate formative. Il 7 e l’8 luglio – online
in collaborazione con la Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali

Workshop dal 7 al 10 luglio – in presenza al MAXXI L’Aquila
per 30 professionisti del territorio abruzzese 
in collaborazione con il Comune di L’Aquila

    data del corso
    Dal 7 al 10 luglio
    Costo per partecipante
    gratuito
    iscrizioni
    entro il 18 giugno

Credi nella cultura come strumento di sviluppo del territorio e coesione sociale?

Dopo due edizioni di workshop e una call for paper, il progetto Città come Cultura, nato nel 2016, si confronta con un momento storico assolutamente eccezionale per la sua gravità e per lo sconvolgimento che ha portato nelle vite di tutta l’umanità la pandemia del COVID-19.

Il progetto, promosso e sostenuto dalla Direzione generale per la Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura, in questa terza edizione ha coinvolto una rete di partner con un programma più articolato e radicato sul territorio.

I temi approfonditi nei vari incontri sono stati:
Triennale Milano | Il futuro dei centri storici nel post pandemia e lo sviluppo delle aree interne
Ordine degli Architetti di Bologna | La qualità del progetto come strumento di riqualificazione del tessuto urbano
Comune di Taranto | Cultura e sostenibilità
Comitato per Parma 2020 | Cultura e benessere
Fondazione Promo PA | Cultura e inclusione

GIORNATE DI FORMAZIONE – online 
mercoledì 7 luglio dalle 14:30 alle 18:30
giovedì 8 luglio dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 17:00

A CHI È RIVOLTO
Tra formazione, scambio e progettualità il workshop è rivolto a giovani studenti, creativi e professionisti della cultura che a diverso livello sono protagonisti attivi nell’attuazione di processi culturali su scala urbana e territoriale.

COME PARTECIPARE
La partecipazione è gratuita. Compila il form sottostante per sapere quando registrarti su fad.fondazionescuolapatrimonio.it

> Compila il form

    Autorizzo al trattamento dei dati personali, ai sensi del regolamento (UE) 2016/679. L’informativa integrale sul trattamento dei dati è consultabile alla pagina https://www.maxxi.art/informativa-privacy/
  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.

IL LABORATORIO – in presenza 
da mercoledì 7 luglio dalle 14:30 a sabato 10 luglio alle 17:00, presso la sede del MAXXI L’Aquila a Palazzo Ardinghelli, il laboratorio L’Aquila come modello di rigenerazione attraverso la cultura.

Partendo dalla conoscenza delle realtà nel settore culturale, educativo e sociale del territorio, il laboratorio si pone l’obbiettivo di attivare un confronto che sia la base di una fase progettuale.
La parte laboratoriale può essere considerata la fase fondativa di un processo articolato e finalizzato alla definizione di una rete di realtà culturali legate e interessate al territorio e di linee di azioni su cui attivare progetti. I partecipanti saranno guidati da esperti di politiche culturali, di processi di coesione e sviluppo territoriale.

A CHI È RIVOLTO
Il workshop è rivolto a chi vuole essere parte attiva nella costruzione di un processo di qualità legato alla pianificazione della progettazione culturale del territorio. La call si rivolge a professionisti e realtà culturali attive nel territorio abruzzese, con esperienza di progetti culturali, interessati a partecipare ad un processo in cui la cultura sia realmente uno strumento per ridefinire un territorio e il suo sviluppo in chiave di coesione e innovazione sociale.

COME PARTECIPARE
Per candidarsi è necessario rispondere al questionario sottostante entro il 18 giugno 2021.

ISCRIZIONI CHIUSE – GRAZIE A TUTTI

Entro il 24 giugno una giuria di esperti selezionerà fino a 30 partecipanti al workshop.
La partecipazione è gratuita (viaggio, vitto e alloggio sono a carico dei partecipanti).
Per maggiori informazioni scrivere a cittacultura@fondazionemaxxi.it

Il progetto è promosso e sostenuto dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della cultura